Come distinguersi nel settore sanitario

PERCHÉ DISTINGUERSI NEL SETTORE SANITARIO

Non serve che te lo dica, ma tanto vale ribadirlo: il settore sanitario è piuttosto affollato. Basta fare qualche ricerca su Google Maps per rendersi conto che nessuna professione sanitaria è esente da competizione, anche in zone molto circoscritte.

Dentisti, psicologi, osteopati, dietologi e nutrizionisti, fisioterapisti, logopedisti e via dicendo: tutti devono fare i conti con la concorrenza.

Se stai leggendo questo articolo probabilmente ti trovi nella condizione di dover promuovere la tua attività in ambito sanitario, e ti stai chiedendo come fare a emergere in un contesto del genere.

Dedicami tre minuti del tuo tempo e proverò a darti qualche consiglio utile a distinguerti nel settore sanitario.

PROFESSIONISTI DELLA SALUTE: HO UN CONSIGLIO DA DARWIN

La teoria dell’evoluzione di Darwin può esserci di grande aiuto per comprendere a quali meccanismi è sottoposta una professione sanitaria (e a ben vedere qualsiasi professione) nel mondo del libero mercato.

Permettimi di riassumerla brevemente. Il caro Charles sosteneva che l’evoluzione di gruppi di organismi appartenenti alla stessa specie (leggi: professione sanitaria) avviene nel tempo per l’azione del processo di selezione naturale (leggi: la concorrenza).

Prendiamo l’esempio di scuola della farfalla delle betulle studiate da Bernard Kettlewell. Il naturalista si era accorto che esemplari bianchi della farfalla erano presenti in zone in cui gli alberi erano coperti da licheni bianchi, dove esemplari dal colore nero erano invece facile preda degli uccelli.  Viceversa in ambienti in cui l’inquinamento aveva reso scuri i tronchi l farfalle nere, che in principio erano una minoranza, erano riuscite a sopravvivere e proliferare.

Sono certo che hai capito dove voglio andare a parare.

Il mercato della salute ormai è saturo di farfalle bianche, e a ben guardare, anche di farfalle nere. Per sopravvivere nel settore sanitario, devi distinguerti. Proprio come gli esseri viventi, anche il tuo business deve adattarsi ai cambiamenti e differenziarsi per vincere la battaglia per le risorse: i clienti.

COME DISTINGUERSI NEL SETTORE SANITARIO: IL POSIZIONAMENTO

Lo avrai notato, non basta più saper fare bene il proprio lavoro perché gli standard di qualità sono abbastanza alti.

Per fare in modo che la gente si rivolga a te, devi essere diverso da tutti gli altri professionisti della salute del tuo settore. O almeno, devi fare in modo che i pazienti ti percepiscano in modo diverso.

Il modo in cui un prodotto è percepito dai potenziali consumatori nel marketing si chiama posizionamento,e se non sai qual è il tuo dovresti cominciare a preoccupartene.

La domanda da un milione di euro in gettoni d’oro è: se la mia attività sanitaria e i miei servizi non vengono percepiti in maniera differente da quelli di tutti gli altri, perché i pazienti dovrebbero scegliere proprio me?

Il posizionamento dovrebbe essere alla base del tuo progetto professionale. Ciò significa che, se necessario, dovresti essere disposto a “smontare” la tua attività e ricostruirla per trovare il posizionamento migliore in relazione ai servizi che offri.

QUALCHE ESEMPIO DI POSIZIONAMENTO

Per fare un esempio di distinzione in ambito sanitario, tra i medici, quelli in possesso di una o più specializzazioni sono automaticamente posizionati in modo differente rispetto a quelli senza o con differente specializzazione.

A loro volta, dovranno trovare un modo per posizionarsi in maniera ancora più specifica rispetto a quelli che operano nel medesimo ambito.

Un cardiologo potrebbe lavorare per diventare uno dei massimi esperti nel trattamento di una particolare patologia.

Un dentista potrebbe acquisire competenze e soft skills collaterali per poter lavorare meglio degli altri a contatto con i bambini.

Uno psicologo potrebbe specializzarsi nel seguire soggetti affetti da disturbi del comportamento alimentare, e così via.

Prendi il mio caso: sono un esperto di comunicazione che ha scelto di aiutare aziende e professionisti del settore sanitario a strutturare la propria comunicazione, prevalentemente in ambito digitale. Si tratta di un posizionamento abbastanza specifico, che mi pone su un piano differente rispetto ad altri consulenti nel campo della comunicazione.

Anche le tecnologie e gli strumenti a disposizione, se sufficientemente “esclusive”, possono aiutare il tuo posizionamento. Guarda questo dispositivo per la realtà virtuale per la somministrazione dei vaccini pediatrici:

Se fossi una mamma e – a parità di qualità – dovessi scegliere tra un ambulatorio che offre questo servizio e uno che non lo offre, dove andresti?

DIFFERENZIATI

Insomma: trova il tuo punto di forza e poi usalo per distinguerti nel settore sanitario!

Se hai già un’attività in ambito sanitario, questo potrebbe voler dire dover smontare in tutto o in parte la struttura del tuo lavoro, cambiare, evolverti. Probabilmente ci vorrà tempo e fatica – ma il cambiamento è sopravvivenza.

Se invece sei agli inizi, in un certo senso sei in una condizione di vantaggio: puoi progettarti partendo da zero per assecondare le tue inclinazioni e soprattutto quelle del mercato.

  • Di cosa hanno bisogno i pazienti, quando si rivolgono a un professionista come te?
  • C’è qualche loro esigenza, magari latente, che al momento non è soddisfatta appieno da nessuno?
  • In che modo puoi soddisfarla tu?

La risposta a queste domande sarà la chiave del tuo successo.

Leggi anche: i tuoi pazienti si stanno rivolgendo a Google per i loro problemi di salute

4 PASSAGGI PER DISTINGUERTI NEL SETTORE SANITARIO

Ora che hai capito l’importanza di distinguerti nel settore della salute, riassumo il processo in 4 passaggi principali.

Non voglio ingannarti: ciascun passaggio richiede molto lavoro, ma se fatto nel modo giusto porterà grandissimi risultati.

  1. Studia te stesso e la tua attività, individua punti di forza e di minor resistenza (sii sincero!).
  2. Studia il bacino dei tuoi potenziali pazienti, individuando le loro esigenze principali – tutte le esigenze, non solo quelle strettamente sanitarie: magari certe persone hanno bisogno di orari o dinamiche particolari.
  3. Ottieni ciò che ti serve per poterle soddisfare – formazione, tecnologie, assistenza…
  4. Fallo sapere.

  1. (Se hai bisogno di una mano a fare tutto questo, contattami).

MI FAI UN FAVORE?

Se questo articolo ti è piaciuto, aiutami a diffonderlo condividendolo sui social!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *