SaluteMarketing

Evoluzione della comunicazione nell’Healthcare

l'evoluzione dell'Healthcare marketing e della comunicazione nel settore sanitario

Scene come quella rappresentata nella foto qui sopra, nel 1870 (quando è stata scattata) erano perfettamente normali: in passato i barbieri eseguivano quotidianamente estrazioni di denti o piccoli interventi chirurgici.

Da allora la medicina si è evoluta e specializzata, ma il processo è ancora in pieno corso e forse tra 100 anni le nostre sale operatorie più moderne appariranno grottesche come questa foto.

Ad ogni modo, chi andrebbe più a farsi estrarre un dente dal barbiere al giorno d'oggi? Probabilmente nessuno.

Allora perché invece accettiamo che la comunicazione in ambito sanitario sia ferma al 1800?

In altri settori il progresso è stato accompagnato da un'evoluzione della comunicazione rivolta agli utenti, prevalentemente a causa della concorrenza, fenomeno da cui il settore sanitario è sempre stato - almeno in Italia - più o meno al riparo... fino a ora.

Vediamo quindi alcuni strumenti di cui non si può più fare a meno, l'ABC della comunicazione digitale: sentiti libero di suggerirne altri nei commenti a questo post!

IL SITO INTERNET: IL TUO STUDIO DIGITALE

Avere un sito internet per chi lavora in ambito sanitario non è più una scelta - è una necessità. Eppure sono ancora troppe le realtà nel campo della salute che ne sono sprovviste.

Il sito internet nel 2018 è l'equivalente digitale del tuo studio fisico: dovresti averlo per una questione di professionalità e di credibilità. Il tuo sito infatti, se ben realizzato, sarà ciò che i pazienti troveranno quando cercheranno informazioni su di te.

Con un po' di lavoro, il tuo sito internet sarà anche ciò che troveranno quando cercano prestazioni come quelle che offri.

Ma quali sono le caratteristiche di un buon sito internet per un professionista della salute?

  • Proprio come lo studio o l'ambulatorio, dovrà innanzitutto essere curato e piacevole;
  • in quanto strumento poi, dovrà essere funzionale: l'utente dovrà poter trovare tutte le informazioni che cerca e svolgere le operazioni eventualmente integrate (prenotazioni, ritiro referti) con facilità;
  • infine dovrà essere (ovviamente) pertinente: non si tratta di un posto dove mettere le tue foto o scrivere i tuoi pensieri personali.

Il sito internet è infine lo strumento di base per creare il proprio brand e migliorare la propria reputazione attraverso la creazione di contenuti di valore, da diffondere ad esempio sui social network.

SOCIAL NETWORK

I social network sono uno splendido strumento per farti conoscere dalla tua audience.

Sono forse uno degli strumenti più efficaci per fare un'attività di questo tipo proprio perché, per la loro stessa natura, ti permettono di entrare in contatto diretto con gli utenti interessati o potenzialmente interessati a quello che fai.

Non solo, ma ti permettono - sempre in virtù di questo canale privilegiato - di ricevere dei feedback sulla tua attività;  di fare domande al tuo pubblico e ottenere le risposte che ti servono per portare avanti i tuoi progetti.

Purtroppo da molti i social network e sono ancora considerati alla stregua di giocattoli.

Il tempo medio pro capite passato dagli italiani sui social network, Facebook in testa, dipingono però un quadro completamente differente: i social network ormai fanno parte della nostra vita quotidiana e sono da considerare alla stregua di estensioni digitali della nostra persona.

L'eventualità di integrarli nella propria strategia di comunicazione va quindi presa in seria considerazione.

Ma quale social network scegliere per la nostra attività in ambito sanitario?

Ovviamente ogni social network è diverso per tipo di utenti, per scopo, per tipo di contenuti supportati o privilegiati; è necessario quindi identificare dunque il o i social network su cui è maggiormente presente il nostro pubblico e concentrare la nostra attività su quelli.

Anche perché ogni social network ha il proprio linguaggio (basti pensare alle differenze tra LinkedIn e Facebook) e non è pertanto consigliabile copiare di sana pianta e incollare lo stesso contenuto su piattaforme differenti; ma andrà piuttosto declinato per adattarsi a ciascuna.

MAI DIRE MAIL

Uno strumento di comunicazione digitale che non passa mai di moda è la mail.

Il grande vantaggio di questo strumento è che la sua efficacia non dipende da nessun algoritmo (o quasi) e la sua esistenza non è vincolata a nessuna piattaforma. mail come strumento dell'healthcare marketing

Ma anche la mail si è rinnovata sia nella grafica che nei meccanismi: oggi è possibile sfruttare processi di automazione, segmentazione del pubblico, personalizzazione della comunicazione che possono rendere la nostra comunicazione davvero efficace.

Il semplice invio a tappeto di un messaggio a tutti i contatti della tua rubrica di posta elettronica non può più (se mai così è stato) considerarsi newsletter!

IL TELEFONO

Il caro vecchio telefono continua ad essere un buon modo per entrare in contatto con i nostri clienti. Tra tutti i canali che ho presentato in questo articolo però, il telefono è certamente il più invasivo: la gente lo usa spesso per lavorare e non ha voglia di essere disturbata se non (ma questo vale per la comunicazione in generale) per le cose a cui è davvero interessata.

In linea di massima consiglierei quindi di contattare al telefono solo quei clienti coi quali si è già instaurato un rapporto e che si sono dimostrati interessati, attraverso altri canali, a quello che abbiamo da dire.

Qui invece voglio parlarti delle potenzialità del telefono come strumento di comunicazione digitale.

smartphone nell'healthcare marketing

Rispetto a 10 anni fa, anche il telefono è cambiato: app di messaggistica istantanea come Whatsapp, Telegram o Messenger ci consentono una comunicazione agile ed efficace, che ha un alto tasso di attenzione (quello riservato appunto al telefono) ma che lascia ai destinatari della nostra comunicazione la libertà di scegliere se e quando risponderci.

Le funzioni sono moltissime, dalla possibilità di condividere immagini a quella di creare gruppi di interesse.

Telegram ad esempio consente di creare veri e propri canali privilegiati tramite i quali condividere i nostri contenuti con gli interessati, che potranno iscriversi ed essere aggiornati in tempo reale.

Alcune app consentono ai pazienti di inviare al medico immagini della propria patologia, per ricevere un primo sussidio.

Le potenzialità sono ancora tutte da esplorare e in continua crescita.

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Lascia un commento (anche se non sei d'accordo con quello che ho scritto: parliamone!) e se vuoi condividilo.

Leggi anche: Chi haPaura del Marketing Sanitario?

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *